“IL VERBO SI FECE CARNE”